Theoni Paschou

«Fare ricerca al Fraunhofer IAO è stata per me un'esperienza unica. Mi ha aiutata a trovare il mio sogno».

Se dovesse descrivere Fraunhofer in due parole cosa direbbe?

Fraunhofer, in base alla mia esperienza lavorativa, potrebbe essere descritto come: "Passione e impegno per un futuro migliore". Le persone di Fraunhofer, che hanno la mentalità di un visionario, ricercatore e imprenditore, progettano il futuro puntando sempre al meglio per la società.

In quale settore/azienda lavora attualmente e quale posizione ricopre nello specifico?

Ho recentemente completato il mio dottorato di ricerca presso il dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale dell'Università di Brescia in collaborazione con l'Istituto di Gestione dell'Informazione dell'Università di San Gallo. Essendo un esperto di servitizzazione digitale, il mio sogno e il prossimo passo della mia carriera è quello di aiutare le aziende a mappare con successo la loro nuova strategia digitale.

In quale istituto Fraunhofer ha lavorato, quando e in quale area di ricerca?

Ho trascorso circa un anno e mezzo, tra il 2015 e il 2016 presso il Fraunhofer IAO, in particolare nel Dipartimento dei Servizi e della Gestione del Personale. Il team per il quale ho lavorato è stato quello del Service Engineering e stavo conducendo ricerca sull'invenzione di un ambiente di ingegneria di prodotto-servizio per migliorare la competitività delle aziende.

Cosa le è sembrato particolarmente interessante del suo lavoro a Fraunhofer?

Essere impiegata nel centro di ricerca più innovativo d'Europa e in grado di utilizzare le sue attrezzature uniche è stato stimolante, ma il più affascinante è stato lavorare con colleghi provenienti da una serie di settori speciali come l'ingegneria, la gestione aziendale, l'informatica, le scienze sociali, ecc.

Che cosa le ha insegnato il lavoro presso Fraunhofer e come l'ha aiutata a raggiungere il suo attuale ruolo in azienda?

Fare ricerca in IAO è stata per me un'esperienza unica. Mi ha aiutata a trovare il mio sogno. Mi ha stimolato e mi ha fatto venir voglia di iniziare il mio dottorato di ricerca, creare conoscenza e contribuire al mondo scientifico e industriale.

Come dipendente Fraunhofer, avrebbe pensato che un giorno sarebbe arrivata esattamente dove si trova oggi? 

Sì, assolutamente. Anche se è solo l'inizio; sono in anticipo su una grande carriera.

Che consiglio darebbe a sé stessa da giovane?

Non perdere tempo ed energia in situazioni che non ti rendono migliore. Continua a muoverti!

Su quali tematiche sta lavorando attualmente e cosa le piace di più del suo lavoro? 

Negli ultimi tre anni, durante il mio dottorato di ricerca, ho esaminato come le nuove tecnologie digitali come l'Internet degli oggetti, l'Intelligenza Artificiale, i Big Data, l'Analytics, ecc. facilitino la servitizzazione, in particolare nelle aziende manifatturiere. Ho concettualizzato questo nuovo fenomeno come "digital servitization", l'ho reso operativo, sviluppando un modello di maturità e ho identificato le competenze più importanti per i dipendenti al fine di condurre ad una trasformazione di successo.

Come si svilupperà in futuro il suo ambito di lavoro e quali sono le sfide correlate?  

Tutto sta cambiando, in particolare, in modo disruptive. Non ci sono linee guida su come procedere in questa trasformazione digitale. Dobbiamo crearle, imparando dalla nostra esperienza e dai nostri errori. La sfida più grande, a mio avviso, è legata all'ambiente di lavoro. Dato il rapido ritmo di cambiamento e l'influenza della tecnologia, i dipendenti devono sviluppare le competenze adeguate per affrontare e prosperare in questo ambiente in evoluzione.

E, ultimo ma non meno importante, cosa augura a Fraunhofer Italia in occasione del suo decimo anniversario?

Τις καλύτερες ευχές μου στο Fraunhofer Italia  για ένα μέλλον γεμάτο επιτυχίες! Auguro a Fraunhofer Italia un fantastico futuro con tanto successo e grandi progetti!